Osserviamo insieme un mio vecchio compito..

Osserviamo insieme un mio vecchio compito..

Qualche giorno fa ho ritrovato questo mio vecchio compito, ero in 4 elementare, avevo 9 anni.

Guardando il foglio possiamo osservare diversi particolari, difficoltà, vediamoli insieme:

  1. Sono presenti tantissime correzioni di diversi tipi.
  2. Guardate quante volte ho sbagliato la “a” e la “e”, facendole similissime, mettendo una al posto dell’altra…
  3. Guardate la “f” in diverse parole come la facevo.. io la vedevo/o così e seppur mi veniva fatto notare non capivo cosa avesse di sbagliato…
  4. Guardate lla “n” in diverse parole la ho scritta in corsivo, un’altra volta in minuscolo e addiritura a volte in stampatello..
  5. Guardate le doppie… Tantissime volte le ho mancate e dovute correggere, aggiungere dopo… Questo perchè io non le sentivo/o, ora non lo sbaglio più o è raro ma non perchè ho imparato a sentirle, semplicemente ho imparato quante lettere ci sono in quella determinata parola
  6. Guardate quante volte ho sbagliato e scritto la “a” in corsivo anzichè in minuscolo
  7. Guardate come ho scritto “innanzitutto”
  8. Guardate all’inizio il poco spazio tra lettere e parole e scendendo invece sempre di più quanto è aumentato, probabilmente dovuto alla stanchezza e alla difficoltà di riuscire a “controllarmi”

Qui sotto aggiungo anche le voste osservazioni che mi avete scritto:

  1. Non usavi tutte le righe
  2. Può la scrittura chiara della penna, aver influenzato gli errori? Diminuendo la consapevolezza? – Rispondo: nel mio caso specifico no, facevo gli stessi errori anche con penna nera o colori più intensi –
  3. Aumenta anche lo spazio tra le righe
  4. Gli spazi all’inizio del foglio sono organizzati poi con la stanchezza a caso (come me)

Avete notato altro? Scrivetelo qui sotto nei commenti!

I commenti sono chiusi.